Home / Amministrazione Trasparente / Altri contenuti / Accesso Civico

Accesso Civico

​L'articolo 5 del d.lgs. n.33 del 14 marzo 2013 "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni" ha introdotto il diritto di accesso civico.

Con l'accesso civico il cittadino ha il diritto di richiedere i documenti, le informazioni o i dati che le amministrazioni abbiano omesso di pubblicare, pur avendone l'obbligo ai sensi del medesimo decreto.
 

Procedimento
La richiesta di accesso civico non necessita di motivazione ed è gratuita. Deve essere inoltrata mediante l'invio di una comunicazione email all'indirizzo: accessocivico@lavoro.gov.it e previa compilazione dell'apposito modulo informatico di richiesta di accesso civicoNella compilazione del form online, sarà cura dell'interessato indicare correttamente tutti i riferimenti anagrafici, la tipologia di procedimento ed il relativo oggetto.​

Il Dirigente del Servizio Responsabile per materia, entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta, procede alla pubblicazione nel sito del dato omesso e contestualmente lo trasmette al richiedente ovvero comunica l'avvenuta pubblicazione e indica il collegamento ipertestuale al dato richiesto. Se invece le informazioni richieste sono già pubblicate, l'Amministrazione provvede a specificare al richiedente il relativo collegamento ipertestuale.
 

Ritardo o mancata risposta
Nei casi di ritardo o mancata risposta il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo di cui all'articolo 2, comma 9-bis della Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, che, verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, nei termini di cui al comma 9-ter del medesimo articolo, provvede nei termini sopra specificati.
 ​

Tutela dell'accesso civico
La tutela dell'accesso civico è disciplinata dal d.lgs. 2 luglio 2010, n.104.​