Home / Notizie / Ammortizzatori sociali, politiche attive del lavoro e voucher, al centro dell’incontro tra il Ministro Poletti e i rappresentanti di CGIL, CISL e UIL

Ammortizzatori sociali, politiche attive del lavoro e voucher, al centro dell’incontro tra il Ministro Poletti e i rappresentanti di CGIL, CISL e UIL

10 marzo 2017

Ammortizzatori sociali, politiche attive e voucher. Questi sono stati i temi principali al centro dell'incontro - svoltosi ieri pomeriggio, presso la sede del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - tra il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e i Segretari Generali della CGIL, Susanna Camusso, e della UIL, Carmelo Barbagallo, e il Segretario Confederale della CISL, Luigi Petteni, cui hanno preso parte anche Marco Leonardi, in rappresentanza del gruppo di economisti di Palazzo Chigi, e Maurizio Del Conte, Presidente dell'ANPAL.

"L'incontro - ha sottolineato il Ministro Poletti, parlando con i giornalisti al termine della riunione - è servito a riprendere i temi che avevamo iniziato a discutere durante il precedente Governo. Oggi abbiamo ricalendarizzato e ridefinito l'agenda e messo in fila gli argomenti da affrontare".

Tra questi, oltre alle politiche attive, c'è il tema degli ammortizzatori sociali e delle aree di crisi industriale complessa sul quale - anche alla luce dell'avviso comune definito da Confindustria e CGIL, CISL e UIL, a settembre scorso - sarà fissato un appuntamento congiunto con imprese e sindacati. Inoltre, verrà avviato il confronto con le OO.SS. sul tema della governance di INAIL e INPS.

Durante l'incontro, si è parlato anche di voucher. A questo proposito, Il Ministro Poletti ha sottolineato che "oggi la Commissione Lavoro della Camera ha depositato il testo base su cui discuterà e noi apprezziamo il lavoro svolto perché i contenuti dello schema messo a punto sono vicini ai contenuti di merito del Governo: e cioè un intervento radicale sui voucher".

"Ora - ha concluso Poletti - attendiamo che la Commissione della Camera sviluppi il suo lavoro, faccia la sintesi, la discuta e la approvi. In questa fase, continua il nostro dialogo con la Commissione e, al termine di essa, il Governo farà le proprie valutazioni".